Abruzzo e Molise

Tredicenne denudato e perquisito in caserma

da: La Stampa

Il fatto denunciato dalla mamma del ragazzino, i magistrati indagano per presunti abusi da parte degli agenti di polizia

Prima perquisito e poi costretto a fare flessioni in caserma. La vittima sarebbe un ragazzino di 13 anni con problemi psichici. Il fatto sarebbe avvenuto in una caserma della polizia a Sulmona, in Abruzzo. La procura ha aperto un’inchiesta. A riportare la notizia il quotidiano “Il Centro”.

Secondo quanto riportato dal quotidiano abruzzese la denuncia sarebbe stata fatta dalla mamma e la procura avrebbe aperto un’inchiesta per presunti abusi commessi da poliziotti del commissariato nei confronti del tredicenne. I fatti sarebbero avvenuti il 24 febbraio. Stando al racconto della donna – così riporta Il Centro – il figlio è stato denudato per essere sottoposto a una perquisizione negli uffici della polizia in via Sallustio, probabilmente alla ricerca di droga. Episodio accaduto, sempre stando alla denuncia, lo scorso 14 febbraio. Dal commissariato di polizia non si vuole commentare quanto denunciato dalla madre del 13enne.

Lascia una risposta

Tema di Anders Norén