Piemonte, Torino

Effetto Domino’s … ci risiamo!

Era evidente che l’epopea dei lavoratori di Domino’s Pizza Torino non sarebbe finita con quel 29 giugno. Era evidente che quanto strappato quest’estate con la lotta sarebbe stato ben presto rimesso in discussione. La deadline dei contratti stipulati post-sciopero incombeva minacciosa già da diverse settimane, i rintocchi alla mezzanotte del 30 novembre non potevano risparmiare qualche testa saltata a mo’ di rappresaglia.

Ma tutto questo non stupisce, normale routine nella lotta di classe dall’alto portata avanti anche dal più docile e accomodante padrone. Eppure anche questa volta la “manovra correttiva” della direzione non è stata accettata senza colpo ferire da quei lavoratori scontenti e incazzati. I contratti in scadenza di chi aveva scioperato a giugno hanno incontrato il malcontento di alcuni nuovi colleghi che hanno scoperto in fretta l’armadio a sei ante dentro a cui il signor Lazzaroni ha nascosto i suoi scheletri: ferie e permessi consumati senza l’accordo dei lavoratori, inquadramenti contrattuali inadeguati alle mansioni svolte, pericolosità dei mezzi di lavoro, ecc.

Lo sciopero di qualche giorno fa sembra essere andato molto diversamente dal primo, causa forse la differenza nel numero di lavoratori coinvolti, di solidali accorsi in sostegno, di disservizio effettivo sulle pizze sfornate nella serata di sabato. Concorrono anche cause oggettive, non direttamente dovute alla forza dei lavoratori, dalle quali forse si possono trarre possibili insegnamenti. È oramai evidente che l’apprensione della direzione nel concedere senza troppe storie quanto richiesto dai lavoratori Domino’s nello sciopero di giugno fosse anche legato all’imminente transizione di vendita del franchising. Poche beghe davanti ai nuovi compratori! Ora che la transazione è praticamente compiuta (ufficialmente mercoledì 4 dicembre) i signori di Epizza S.p.A., non hanno più alcunché da temere ossia non c’è più nessuna faccia da preservare. A meno che i lavoratori e le lavoratrici non siano in grado di bloccare effettivamente tutto e creare un disservizio di portata consistente, la bega di un pugno di scontenti facinorosi passa al nuovo capitano della squadra: signor Davide Canavesio.

Un piccolo e parziale insegnamento che dei lavoratori, anche minoritari in una azienda ma vogliosi di farsi valere, possono trarre è: finché hai il coltello dalla parte del manico affonda a più non posso. O se si preferisce, parafrasato nella circostanza specifica: finché hai coglioni di Lazzaroni in mano … stringi forte!!! Questo ovviamente non vuol dire mandare a ramengo le prospettive di allargamento della lotta a tutti gli altri lavoratori sfruttati, ma creare un precedente in cui si sia sperimentata la maggiore forza e incisività possibile. Perché infondo questi signori il manico se lo riprendono in fretta e col coltello fanno saltare teste. L’esperienza ha spesso dimostrato che quella vocina che ti fa dire “un passo alla volta e non tiriamo troppo la corda, se no si spezza!” non sempre costituisce la via più efficace per portare avanti delle rivendicazioni e vincere delle vertenze. Allora essere più incisivi possibile può voler dire non cedere a quella dialettica basata sul bisogno di farsi riconoscere dalla controparte come un Soggetto (in questo caso il gruppo di lavoratori in lotta) degno di essere preso in considerazione … ma a patto che i lavoratori nel ricevere delle concessioni ritornino indietro anche qualcosa ai propri padroni: dedizione sul lavoro, promozione del marchio, o anche solamente smettere di rompere le scatole. Per spezzare questo rapporto occorre non provare alcuna forma di rispetto per l’azienda perché lei non ne prova per chi sceglie di lottare, non pensare che con qualche concessione i dirigenti diventino più accettabili … no. Cosa succederebbe se si provasse ad affondare e stringere, affinché tutto quello che si può prendere nel momento di maggiore debolezza della controparte possa essere preso? Questo potrebbe spaventare altri colleghi simpatizzanti? Potrebbe rischiare di irrigidire troppo la controparte col rischio di non ottenere niente? Certo, ma il punto è provare a discutere di questa possibilità e capire come potrebbe dispiegarsi e intrecciarsi con le altre esigenze di una lotta.

Intanto il signor Lazzaroni ha imparato bene la lezione di giugno e a presidiare lo store di via Nizza era presente una buona dose di digossini e una camionetta fissa. La punta del ridicolo si è raggiunta poi nello store di via Nallino, dove il responsabile dei negozi di Torino Davide Papini, occasionalmente dietro al bancone, assediato dalle richieste e rimostranze dei lavoratori, è stato scortato via dalla polizia in assetto antisommossa. Che la rabbia degli sfruttati possa esprimersi anche con qualche sonoro ceffone o con una veemenza in grado di costringere chi prende le decisioni a retrocedere è cosa auspicabile; che la polizia e il suo “cordone sanitario”, dispiegato oramai davanti ad ogni tenue barlume di conflitto, costruisca un siparietto per prevenire una realtà purtroppo aldilà da venire, è emblematico dell’aria che tira.

Intanto ci pare importante evidenziare come allo sciopero dell’altro giorno abbiano partecipato alcuni lavoratori che a giugno, invece, si erano schierati tra i crumiri. Di questi ultimi, tuttavia, ce ne sono stati in abbondanza e se tra loro si celano diversi simpatizzanti, forse ancora troppo intimoriti dallo schierarsi contro un colosso del food & beverage, vi è anche una vasta categoria in cui sguazza la maggior parte del popolo dei finti silenti … quelli che in fondo in fondo, tra gli spogliatoio a inizio e fine turno, tra una pausa sigaretta e l’altra, bofonchiano sempre. È infatti tendenza comune ai lavoratori e alle lavoratrici del terzo millennio quella di percepirsi come delle monadi, singoli e solitari individui. Il mondo del lavoro, quella rete complessa di rapporti di potere e sfruttamento, da loro non è percepita come costruita, imposta, con nomi e cognomi di responsabili e scagnozzi esecutori … no. La vivono piuttosto come una giungla, severa e tremenda ma neutrale. Soffocare strozzato da qualche liana nel tentativo di spiccare il salto verso una qualche forma di sistemazione, sopravvivenza o carriera è un rischio comune a tutti, democratico come la livella. Se non ce la fai, in fondo, è colpa tua. Se accetti di firmare un contratto del cavolo, insicuro e precario come un co.co.co … beh… lo sapevi a cosa andavi incontro no? Ora non ti puoi lamentare.

Ecco, la lotta ha anche il compito di spezzare questa forma di ideologia dei padroni introiettata da lavoratrici e lavoratori sfruttati. In questo i lavoratori di Domino’s hanno dato un buon esempio.

macerie @ Dicembre 4, 2019

12 Commenti

  1. I would like to voice my admiration for your kindness in support of people who require guidance on the idea. Your very own commitment to passing the message up and down turned out to be really invaluable and has specifically permitted people just like me to achieve their objectives. Your new invaluable instruction implies so much to me and much more to my office workers. Best wishes; from all of us.

  2. I am just commenting to make you understand of the really good discovery my girl found browsing your web page. She mastered a wide variety of issues, including what it is like to possess a wonderful coaching nature to have a number of people really easily know just exactly specified impossible subject areas. You actually exceeded my desires. Thanks for giving the necessary, trustworthy, educational and also easy tips about that topic to Kate.

  3. I wanted to compose a brief comment in order to thank you for the great instructions you are sharing on this site. My considerable internet look up has finally been rewarded with reliable strategies to exchange with my friends and family. I would believe that most of us readers actually are unquestionably blessed to be in a remarkable community with many lovely individuals with insightful guidelines. I feel pretty grateful to have used your entire website and look forward to many more fabulous times reading here. Thanks a lot again for everything.

  4. I needed to write you the bit of note to finally say thanks a lot once again over the splendid ideas you’ve featured on this website. It’s particularly open-handed of you to give easily what numerous people would’ve supplied for an e-book to generate some dough on their own, primarily now that you might well have done it in the event you desired. The ideas in addition acted as a fantastic way to be certain that someone else have the same desire like my personal own to know a little more with regard to this matter. I’m sure there are a lot more enjoyable periods in the future for individuals that take a look at your blog post.

  5. Thank you so much for providing individuals with an extremely remarkable opportunity to read in detail from this web site. It’s usually so useful and also full of fun for me personally and my office mates to search the blog at least thrice in a week to study the latest items you have got. And lastly, we are always astounded with all the special techniques you serve. Certain two points in this article are easily the most suitable I have ever had.

  6. My husband and i ended up being absolutely relieved John could round up his homework through your ideas he came across from your very own web site. It’s not at all simplistic to just happen to be freely giving facts which usually other people may have been making money from. So we see we have the blog owner to be grateful to for that. All of the illustrations you made, the easy blog navigation, the friendships you will make it possible to foster – it’s most terrific, and it’s assisting our son in addition to us know that the content is amusing, and that is tremendously pressing. Many thanks for all!

  7. My husband and i were so glad when Michael could deal with his inquiry through the entire ideas he had through your web site. It’s not at all simplistic to simply choose to be giving away secrets and techniques which the others might have been making money from. And we fully understand we need the website owner to give thanks to for this. The entire illustrations you have made, the easy web site menu, the relationships you make it easier to create – it’s mostly terrific, and it’s facilitating our son in addition to our family understand the subject matter is thrilling, which is really fundamental. Many thanks for all the pieces!

  8. I am also commenting to make you understand of the wonderful discovery our child encountered studying your site. She realized many pieces, most notably what it’s like to have an amazing teaching mood to have many more smoothly thoroughly grasp a number of grueling things. You undoubtedly exceeded our own expected results. Thank you for churning out those warm and helpful, healthy, informative and even cool thoughts on your topic to Julie.

  9. I intended to create you the very little observation to be able to say thanks as before relating to the lovely tactics you have documented here. It is really shockingly generous of people like you to make freely exactly what a few people would’ve advertised for an ebook to end up making some bucks for themselves, most importantly considering the fact that you might well have done it in the event you decided. The secrets as well acted like a good way to comprehend most people have the same desire just as my very own to realize great deal more in respect of this matter. Certainly there are numerous more pleasant situations up front for people who look over your site.

  10. Thank you for all of your effort on this site. My mom takes pleasure in doing investigation and it’s easy to understand why. My partner and i know all about the powerful way you create simple steps on your website and as well as boost participation from other individuals on that matter so our simple princess is without a doubt discovering a whole lot. Take advantage of the remaining portion of the new year. You are always conducting a useful job.

  11. I really wanted to compose a small message so as to express gratitude to you for all of the splendid concepts you are sharing at this website. My prolonged internet look up has at the end of the day been recognized with beneficial insight to go over with my colleagues. I would say that many of us website visitors are undoubtedly fortunate to live in a notable website with so many marvellous people with beneficial ideas. I feel rather grateful to have encountered your entire webpages and look forward to so many more fabulous moments reading here. Thank you once more for everything.

  12. I am writing to let you know what a nice experience my girl gained visiting the blog. She picked up plenty of issues, with the inclusion of what it’s like to possess an awesome coaching heart to get others without problems grasp a variety of specialized topics. You really exceeded visitors’ expectations. Thank you for displaying such necessary, healthy, informative and in addition cool tips on the topic to Emily.

Lascia una risposta

Tema di Anders Norén